A seguito di qualche velata (mica tanto!) minaccia ;) , mi appresto a pubblicare un nuovo video!

In tutta la sua bellezza, ecco per voi il tutorial sull’I-cord!
A dir la verità sono mesi che l’ho girato, ma la prima versione era troppo buia per i miei gusti e quindi ne ho realizzata una nuova.

L’ho classificato tecnica intermedia solo per l’esigenza di doverlo inserire in una categoria. Per me nelle tecniche base rientrano solo avvio, diritto, rovescio e chiusura, per cui tutto il resto diventa o intermedio o avanzato.
Ma non preoccupatevi, l’I-cord è di una facilità disarmante.

L’I-cord deve il suo nome a Elizabeth Zimmerman, che data la semplicità di realizzazione ha finito con il chiamarlo Idiot Cord (letteralmente il cordone idiota, stupido). :)
Non piace tremendamente anche a voi questa donna?

L’I-cord più comune è probabilmente a 3 maglie, ma si può realizzare anche con molti più punti. Ammetto che sia più semplice realizzare un Icord a 3 maglie piuttosto che a 8, ma con un po’ di pazienza ce la si può fare comunque.

Dopo aver avviato il numero di maglie necessario, invece che girare i ferri come faremmo per una qualsiasi lavorazione, facciamo scorrere i punti da un estremo all’altro del ferro e solo a questo punto lavoreremo a diritto le nostre maglie.
Dopodichè ripeteremo ancora e ancora queste due operazioni: far scivolare i punti e lavorarli.

Dato che i punti vengono fatti scivolare sul ferro, il filo del lavoro si troverà sempre a sinistra di questi nel momento in cui li lavoreremo, andando a creare così quello che potremmo chiamare un tubicino.
I punti si richiudono su se stessi e formando il cordone.

Ecco, questo è l’I-cord, niente di più e niente di meno. Non è fantastico?

Solitamente, per facilitare lo “slittamento” dei punti, viene realizzato sui ferri a doppia punta, ma a me è capitato di utilizzare anche i circolari con il cavetto più corto che avevo. L’importante è avere la possibilità di far scivolare le maglie da un estremo all’altro e ricordarsi di non girare mai il ferro, altrimenti si ritorna a lavorare in piatto.

L’I-cord può diventare tutto quello che volete, laccetti per chiudere un cardigan, il bordo di una manica come nel caso del Coraline…
E tutto quello che la vostra fantasia vi suggerisce!

Che dite? Vi piace questo video?
è sufficiente per perdonarmi l’assenza prolungata? ;)